Milano, Naviglio Grande, una sera d’Agosto. Personaggi: Lei, Lui, La Cameriera.

La chiusura dell’alzaia alle auto invoglia a una romantica passeggiata. Che locale carino, dai fermiamoci qui, ma sì, c’è posto, fermiamoci. Si materializza La Cameriera, bionda, aspetto slavo, accento tedesco.

LC: “Foi qvanti ? Qvattro ?”

Lui: “No, due.”

LC: “Qvesto tafolo da qvattro” puntualizza. “Fiene con me.”

La Cameriera conduce Lei e Lui all’altro capo della fila di tavolini e sedie. “Qvesto tafolo per due”, stabilisce.

Lei: “Ma…-”

Lui: “Zitta ! Potrebbe irritarsi.”

Lei: “A me sembra già inc-”

Lui: “Niente, niente. Bellissimo tavolo, grazie. Che cosa è questa ? Ah, la lista ! Beh, gentilissima, grazie, davvero. Ossequi, ossequi.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: