L’Uomo Solo Al Mondo

L’Uomo Solo Al Mondo non è affatto infelice né orfano. Semplicemente, non concepisce l’esistenza di altri abitanti su questa Terra.

L’Uomo Solo Al Mondo, quando viaggia in aereo, sistema la sua 24 ore in pelle nella cappelliera vuota, richiudendola accuratamente subito dopo. Tanto, viaggia da solo. Chi mai potrebbe porre altri bagagli nella stessa cappelliera ?

L’Uomo Solo Al Mondo , quando viaggia in metrò, legge il suo quotidiano aprendolo in tutta la sua magnifica estensione, abbracciato alla sbarra di sostegno. Tanto, viaggia da solo.

L’Uomo Solo Al Mondo  ha un concetto tutto suo dell’appendiabiti. Quando arriva in ufficio, attacca il cappotto a un gancio, la giacca a un altro, la sciarpa a un altro e il cappello a un altro ancora. I guanti li deposita, perfettamente allineati, a cavallo degli ultimi due ganci disponibili. Tanto, lavora da solo.

L’Uomo Solo Al Mondo  talvolta guarisce, incontra una Donna Sola Al Mondo. Genera molti Figli Soli Al Mondo, formando così una numerosa famiglia, la Famiglia Sola Al Mondo, con la quale passeggerà, tenendosi per mano e occupando l’intero spazio del marciapiede, ridendo e scherzando, soffermandosi a tratti, tutti incommensurabilmente felici di essere soli, al mondo.

Annunci

Una Risposta to “L’Uomo Solo Al Mondo”

  1. Federica Says:

    NON BISOGNEREBBE MAI RIDERE DELLA SOLITUDINE…E’ MOLTO PERICOLOSO
    PERCHE’ QUESTO E’ QUELLO CHE CI POTREBBE CAPITARE ……………….SE UN GIORNO SI RITROVASSERO IMPROVVISAMENTE SINGLE!

    Affrontare la solitudine

    Eh si, e’ lei, la bastarda, che ci fotte!!
    Ci sono uomini che tirano avanti un rapporto solo per paura della solitudine!!! Mentre lei e’ li’, che ti sta facendo l’elenco dei tuoi difetti, di dove hai sbagliato, di dove ti sei comportato male, tutto quello che tu riesci a pensare e’: “E adesso, che cazzo faccio a Natale?”
    Si, e’ questo il primo pensiero che ti passa per la testa. Ti vedi gia’ il 24 dicembre, a casa della mamma, seduto in un angolo con un bicchiere di moscato sgasato in mano, e un nugolo di zie anzianissime e cugini sconosciuti che ti guardano e dicono: “Ma quello chi e’? Chi l’ha invitato, che sta pure rovinando la festa?” E’ cosi’: lei e’ li che sta andando via, e tutto quello che tu riesci ad immaginare e’… te stesso, vecchio, da solo, in un ospizio, sulla sedia a rotelle… col catetere! Ed un nugolo di suore baffute che si occupano di te!
    Eppure anche i migliori di noi hanno cercato di affrontarla la solitudine… magari partendo per un viaggio.
    Eh gia’, visto che lei ti ha mollato proprio sotto le ferie, se proprio devi stare da solo, e’ molto meglio stare da solo in un Club Med in Grecia che a Porto Marghera.
    E cosi’, vai in agenzia di viaggio, e scopri il primo problema delle ferie da solo: IL PREZZO! Una settimana in un villaggio, tutto compreso, vitto, alloggio, viaggio, scuola di sub, scuola di pittura su ceramica, scuola di castelli di sabbia creativi, tennis, wind-surf, l’happy-hour, paghi 1 e bevi 8, che se lo fai col cavolo che riesci a fare le altre attivita’… tutta sta roba ti costa come la tua tredicesima… degli ultimi 12 anni!
    E’ vero… ci sono gli sconti… sconti per coppie, coppie con figli, coppie con figli e suocera, coppie con figli, suocera e cane, coppie di sposi, coppie di sposi con figli, coppie di sposi con figli e nonna, coppie di gay, coppie di gay con nonna e criceti, scambio delle coppie, scambio delle coppie di criceti gay… NESSUNO TI FA PESARE IL FATTO CHE SEI UN SINGLE, VERO?
    Pero’ alla fine riesci a partire, anche perche’ i tuoi amici, che non ti sopportano piu’, fanno una colletta e ti pagano loro le ferie!

    Ti accompagnano all’aereoporto, ti tolgono le bende, ti tolgono le manette, e tu parti! Arrivi in un paese sconosciuto, baci la terra come il papa, noleggi una macchina e… via! Verso nuove avventure!
    I lasciati in vacanza li riconoscete subito: sono quelli che per i primi 8 secondi guidano cantando a squarciagola per tenersi compagnia: “fischia il vento, infuria la bufera!!!” Al 9″ secondo li trovate seduti su di un paracarro che piangono e fanno: “Ho paura! Voglio la mamma!”
    A proposito di auto, ci avete mai fatto caso che quando ci succede una cosa come l’essere lasciati sembra che l’universo intero si coalizzi contro di noi per prenderci per il culo? Fateci caso…
    Allora, visto che i rapporti si chiudono quasi sempre di sera (cosi’ lei non cucina e lui non lava i piatti) la notte bene o male la passi… televendite di videocassete porno, lezioni di fisica quantica… e’ il mattino dopo che e’ tragico!
    Ti alzi in uno stadio detto del labbro tremulo, roba che se vedi la pubblicit? della Roberta su di un cartellone ti metti a piangere come un vitello, diciamolo pure… sei in uno stato pietoso! E sali in macchina… qual’e’ la prima cosa che fai, quando sali in macchina? (a parte aprire la portiera) Accendi la radio! Normalmente cosa ti becchi, durante l’anno: onda verde, GR, Bollettino per i naviganti (che quando sei in coda sulla tangenziale non capisci proprio a cosa serve)… i piu’ sfigati Radio Maria…
    Il mattino dopo che sei stato lasciato, NO! Accendi la radio e…. “PERDERE L’AMORE”… vabbe’, capita, cambio stazione… “MI MANCA DA MORIRE QUEL SUO PICCOLO GRANDE AMORE” vabbe’, ricapita, ricambio stazione… “A VOLTE UN UOMO E’ DA SOLO” A uomini soli dei Pooh spacchi l’autoradio, e la butti fuori dal finestrino!
    Ma non e’ solo questo. Per tutto l’anno, quando hai una fretta indiavolata, ti butti in tangenziale e ti si para davanti una Prinz verde del 1946 con incorporato vecchiettino con cappello marrone che va ai 18 all’ora… oppure e’ il 3 di agosto, fa un caldo della madonna, tu hai aperto i finestrini per fare entrare un refolo di vento, sei fermo al semaforo… e ti si piazza di fianco un camion polacco del primo dopoguerra carico di galline diarroiche che sgasa come una famiglia di turchi che fumano sigari cubani avariati!
    Il giorno dopo che sei stato lasciato… no! Sei fermo al semaforo… e… macchina davanti… macchina dietro… macchina lato destro… macchina lato sinistro… gente che POMICIA! Come dei polipi assatanati!!!
    Ma con me hanno esagerato: una volta ho visto un intero pulman di carabinieri in mimetica, che slinguavano come dei cocker in calore!
    Ma la sofferenza sta per finire… stiamo per smettere di essere dei soli, e stiamo per diventare single!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: